PDA

Visualizza Versione Completa : Espansione Norwegian: un concorrente per easyJet e Ryanair?



MikeAlphaTango
30-04-2013, 10:54
Da Panorama.it:
"Bjorn Kjos ha comprato 222 aerei. Norvegese, aviatore, avvocato, autore di gialli e uomo d’affari è un nome di cui si sentirà parlare presto e molto, fa sapere The Economist . Il suo obiettivo, infatti, è battere sul loro terreno le compagnie aeree low cost che hanno espugnato, in Europa e non solo, il dominio delle compagnie di bandiera.
Kjos è figlio di del fondatore di una piccola compagnia locale, la Norsk Skogbruksfly, nata nel 1953. Il suo primo impiego è stato come pilota delle Royal Norwegian Air Force. Terminata la parentesi nell’aeronautica, visto che la Scandinavian Airlines System non aveva bisogno di nuovi piloti, Kjos si è iscritto a legge: dal 1983 al 2002, dunque, ha esercitato la professione di avvocato e dal 1993 partecipa ai lavori della Corte Suprema. Alla metà degli anni Novanta, insieme al fratello e alcuni dipendenti della compagnia aerea in fallimento Busy Bee, danno vita a Norwegian Air Shuttle che, nel 2002, Kjos trasforma in una compagnia aerea low cost. Da allora, la compagnia prende quota e diventa il secondo vettore della Scandinavia.
Lo scorso anno, dunque, la Norwegian Air Shuttle ha emesso un ordine da dieci miliardi di dollari, il più grande mai registrato in Europa. I nuovi aerei entreranno in servizio accanto alla nuovissima flotta di Boeing 787 Dreamliners con cui la Nas intende coprire le tratte a lungo raggio verso l’Asia e l’America. «Quando abbiamo aperto le vendite dei voli da Oslo a New York, il nostro sito è collassato sotto il peso dei contatti», raccontava Kjos a Business Week lo scorso gennaio. I primi voli prenderanno il via a maggio, mentre da giugno sarà operativo Bangkok, nei prossimi cinque anni aprirà un altro hub in Asia: l’obiettivo è soddisfare la domanda di trasporto dalla Cina che, entro i prossimi 15 anni, dovrebbe rappresentare il 90% dei biglietti venduti dall’Asia all’Europa.
Una sfida non da poco, visto che compagnie come la malese Air Asia ci ha provato, salvo dover invertire la rotta. Kjos sostiene la propria scelta strategica, spiegando che i nuovissimi aerei, essendo più efficienti, hanno bisogno di meno passeggeri per coprire i costi del viaggio. Per sfuggire all’elevato costo del lavoro del Nord Europa, Nas basa i suoi aerei in altri mercati ed è all’estero che assume il proprio personale. L’amministrazione, per esempio, è in Latvisa, il dipartimento IT in Ucraina, mentre i voli in Asia avranno Bangkok come base. Con la crescita dei prezzi del carburante e una concorrenza sempre più accesa da parte di Ryanair e EasyJet, Kjos si è reso conto che l’unico modo per sopravvivere era puntare su economie di scala, aerei molto efficienti e basi in Paesi più economici. Le dimensioni dell’ordine, inoltre, impegnano Boeing e Airbus che, conseguentemente, non possono soddisfare le richieste dei competitor di Nas, impedendo di fatto il rinnovamento di altre flotte. Gli aerei arriveranno entro i prossimi cinque anni.
La scommessa di Kjos è sostenuta da Preben Rasch-Olsen - Canergie, una banca di investimento di Oslo. I numeri sono a favore: dal 2006 a oggi, le compagnie low cost hanno visto crescere i propri passeggeri del 12% l’anno, mentre le compagnie tradizionali si sono fermate a +2%. Il tentativo di crescere sul fronte low cost per le compagnie di bandiera potrebbe arrivare troppo tardi, ma anche la sfida a lungo raggio di Kjos potrebbe scontrarsi con l’aggressività delle politiche delle compagnie medio-orientali."
(http://economia.panorama.it/aziende/ryanair-easyjet-norwegianair-low-cost)

e aggiungo:

"Norwegian (DY, Oslo Gardermoen (OSL)) says it is mulling registering its future fleet of eight B787-8s in Ireland as a means of circumventing restrictive Norwegian laws that bar the carrier from hiring cheaper Asian cabin crews. The carrier is planning to launch Bangkok Suvarnabhumi International (BKK) and New York John F. Kennedy International (JFK) flights this summer and says that the move would enable it to cut back on costs which had been blocked by Norwegian authorities. Despite union objections that the airline is practising "social dumping", Norwegian is adamant that its fleet of Dreamliners, the first of which is due in June, could be registered in Ireland, but that no final decision has been made. It should be noted, however, that Norwegian operators can only operate aircraft registered in another country on a temporary basis, and unless regulations are changed Norwegian would eventually have to register its entire long-haul subsidiary in Ireland."

(ch-aviation.ch)

Che ne pensate? potrebbe davvero col tempo dare fastidio a FR e U2?

air-two
30-04-2013, 10:58
Attualmente il network Norwegian è concentrato dalla scandinavia verso le mete di vacanza degli scandinavi. Le poche rotte in concorrenza con FR o U2 anche su direttrici importanti non mi pare che abbiano fatto tremare di paura né Ryanair né easyJet. Tutt'al più potrebbe esserci spazio per una espansione in previsione di un fallimento o drastica riduzione dei voli SAS che non naviga in buone acque.

tHOmMY
30-04-2013, 11:03
Non saprei, hanno una base tariffaria mediamente più alta rispetto alle altre due concorrenti e ciò potrebbe renderli un po' meno competitivi nealla fascia price sensitive, a giudicare dalle rotte hanno un ottimo mercato sulle direttici "marittime" soprattutto nord-sud Europa..
Ricordo che la base polacca ad Okecie è stata chiusa dopo qualche tempo, chissà come vanno le nuove di ALC e LGW...

Lorenzo BLQ
30-04-2013, 11:05
Sicuramente la concorrenza inizierà quando proveranno a scommetere su rotte non vacanziere e magari più di nicchia (abbassando anche un po' i prezzi nelle rotte in comune con altri). Come prodotto penso siano validi e la scommessa del lungo raggio potrebbe andare bene :)

tHOmMY
30-04-2013, 11:18
Bisognerà vedere se vogliono realmente buttarsi in mercati ormai già saturi rischiando di arrivare per ultimi e non riuscire a ritagliarsi la propria fetta di mercato..

MikeAlphaTango
30-04-2013, 12:22
In ogni caso, solo per restare sul corto-medio raggio, ha in ordine 137 737 (tra NG e MAX) + 100 opzioni e 100 320 NEO + 50 opzioni. Un totale, tutto compreso, di quasi 400 macchine, a fronte di una flotta attuale di circa 160 a/m!
:eek:

MikeAlphaTango
03-05-2013, 11:32
Da ch-aviation: "Norwegian has confirmed that its CEO, Bjørn Kjos, has attended a meeting with Polish government authorities in Warsaw regarding LOT Polish Airlines . While no official agenda has been released, Polish newspaper Rzeczpospolita reports that the meeting involved Norwegian’s possible takeover of the country’s loss-making national airline. In the report, it is alleged that Kjos asked for "detailed information on LOT before he and his colleagues could formulate a bid." Analysts have speculated that LOT would be a perfect fit for the financially-strong Scandinavian airline, given its membership of Star Alliance as well as its planned fleet of eight B787-8s, two of which have already been ordered. The Dreamliners are of particular interest to Norwegian who see them as integral in their plans to expand their intercontinental network. Warsaw is working to facilitate the deal through a change in legislation that would allow the state to own less than 51% of LOT and eventually sell off the state’s holdings completely. The proposal is now under consideration in the Polish parliament. The Polish government has tried before to privatize LOT, with Turkish Airlines a one time suitor."

Norwegian vuole fare il grande passo e trasformarsi da LC a major? La volontà di entrare in Star Alliance sembrerebbe deporre verso questa direzione.